spe header 2017

7° Incontro della Scuola di Politica ed Economia

Desiderio di consumare

“Il Rapporto sui limiti dello sviluppo (dal libro "The Limits to Growth. I limiti dello sviluppo"), commissionato al MIT - Massachusetts Institute of Technology dal Club di Roma, fu pubblicato nel 1972. Il rapporto (…) predice le conseguenze della continua crescita della popolazione sull'ecosistema terrestre e sulla stessa sopravvivenza della specie umana. In estrema sintesi, le conclusioni del rapporto sono: Se l'attuale tasso di crescita della popolazione, dell'industrializzazione, dell'inquinamento, della produzione di cibo e dello sfruttamento delle risorse continuerà inalterato, i limiti dello sviluppo su questo pianeta saranno raggiunti in un momento imprecisato entro i prossimi cento anni. Il risultato più probabile sarà un declino improvviso ed incontrollabile della popolazione e della capacità industriale. È possibile modificare i tassi di sviluppo e giungere ad una condizione di stabilità ecologica ed economica, sostenibile anche nel lontano futuro. Lo stato di equilibrio globale dovrebbe essere progettato in modo che le necessità di ciascuna persona sulla terra siano soddisfatte, e ciascuno abbia uguali opportunità di realizzare il proprio potenziale umano.”

Relatori del 7° incontro che affronteranno il tema "La febbre della Terra e i limiti dello sviluppo", saranno:

luca20mercalli

LUCA MERCALLI meteorologo, divulgatore scientifico e climatologo italiano.

Immagine

PAOLO MAGAUDDA è Assegnista di Ricerca Senior in Sociologia presso l’Università di Padova ed è docente di Sociologia dei Consumi presso lo IUSVE di Venezia.

6° Incontro della Scuola di Politica ed Economia

Desiderio di appartenenza

Nostra forza e nostra debolezza. Quali i motivi storici di questa frammentazione e quali le conseguenze economiche e politiche? Litigiosi e campanilisti, abbiamo saputo creare nei secoli una civiltà unica e inimitabile, feroce e generosa, competitiva e sentimentale, cinica e struggente. Dal capitale sociale racchiusa nei nostri Comuni, al senso civico, al paesaggio, alle produzioni tradizionali fino alle più tecnologiche… i mille campanili d’Italia sono la cifra della nostra differenza e del nostra valore competitivo e civile nel mondo.

 

 

 

 

Relatore del 6° incontro che affronterà il tema "Il nostro valore aggiunto. Italia patria delle mille capitali e delle mille comunità", sarà:

  gambarotto

FRANCESCA GAMBAROTTO
Professore di I Fascia e Professore di II Fascia, Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali “Marco Fanno”, Università di Padova

 

5° Incontro della Scuola di Politica ed Economia

Desiderio di conoscere

Perché all’inizio sembrano delle favole, tanto appaiono inverosimili e lontane dal senso comune.
Ma poi ci rendiamo conto che esse hanno conseguenze dirette e profonde nella nostra vita, nei materiali e negli oggetti di cui ci circondiamo, nella medicina, nella nostre stessa visione del mondo.
Dalla conferma sperimentale della natura ondulatoria dei campi gravitazionali, alla conferma dell’esistenza del Bosone di Higgs, alla diffusione sempre crescente nella nostra vita quotidiana di principi e sviluppi tecnologici basati sulla meccanica quantistica, si ha l’impressione che le porte e le finestre che hanno tenuto al chiuso per secoli il senso comune degli uomini, legato alle percezioni ed alle esperienze del nostro corpo, e che costituiscono il fondamento del mondo che conosciamo, si siano spalancate improvvisamente. Tutto si muove, nulla è come appare, tutto ci sfugge, e siamo costretti a munirci di altri occhiali e di altri strumenti per capire e per vivere nel futuro.

 

Relatore del 5° incontro che affronterà il tema "Le onde gravitazionali e altre storie...", sarà:

 Benacchio 

Leopoldo Benacchio, Professore ordinario presso l’Osservatorio stronomico di Padova - INAF 

La lezione si terrà presso l'Osservatorio Astronomico "La Specola" di Padova.

135px La specola 1

 

4° Incontro della Scuola di Politica ed Economia

Desiderio di creare

1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.
2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.
3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge. » Queste le tre leggi della robotica immaginate già nel 1942 da Isaac Asimov.  Da allora i robot sono arrivati tra noi, ma non ci facciamo molto caso. Ci accorgiamo di loro solo quando assumono le sembianze umane e ci appaiono buffi e impacciati. Sono macchine al nostro servizio in fondo. Decenni di fantascienza ci hanno abituati ai robot prima ancora del loro arrivo nella nostra vita. Sostituiranno mai l’uomo nel suo lavoro, lo affiancheranno nelle sue faccende quotidiane? O lo stanno già facendo? E  cosa si intende esattamente per intelligenza artificiale? Chi e dove e perché si stanno facendo ricerche sempre più spinte in questa direzione? A che punto siamo?

 

Relatori del 4° incontro che affronteranno il tema "Io “Io robot”: i robot sono arrivati tra noi.", saranno:

Melucci

il Prof. Massimo Melucci, docente associato di Sistemi di Elaborazione dell'Informazione dal 2001 dell'Università di Padova.

 

 

schiaffonati2e la Prof.ssa Viola Schiaffonati, docente associato, Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Logica E Filosofia Della Scienza Politecnico di Milano.

 

Sabato 25 marzo ore 9:00

All'interno degli eventi della Settimana dell'Artigianato e in occasione del 30° anniversario del Cesar Srl Centro di Formazione di Confartigianato Vicenza, la lezione si svolgerà presso la rinnovata Sala delle Fraglie.